MAUSER dal Modello 77 al Modello 83

_dsc5360-scontornata-copia
Sopra Mauser Modello 83 versione Standard, sotto Mauser Modello 77 Sportman, con canocchiale Zeiss 2,5-10X50 montato direttamente dalla fabbrica. Da notare le canne che hanno lo stesso profilo esterno.

_dsc5374-scontornata-copia

Chi non conosce la MAUSER ? Una delle ditte che ha fatto la storia delle armi nel mondo, almeno fino alla Seconda Guerra Mondiale.
Nel dopoguerra la Mauser si trovava nella zona di occupazione Francese e fino al 1947 lavorA? per il loro esercito, ricordiamo le P38 o le carabine Modello 45 in .22lr.
Dal 1947 i Francesi ordinarono la liquidazione della Mauser e iniziarono a spostare macchinari e distruggere fabbricati, perfino la collezione Mauser fu dispersa.
La��ordine di liquidazione fu abolito nel 1959 e fu riesumata la produzione di macchine per misurazioni di precisione e macchine utensili. Il settore militare si specializzA? nella produzione di cannoncini a tiro rapido per uso aereo e antiaereo.
Nei primi anni a��60 rientrA? anche nel settore delle armi portatili, commercializzando le pistole HSC e fucili a canna liscia prodotti dalla ditta Italiana Renato Gamba, una serie di bolt action economici, i modelli 2000A� -A� 3000A� e 4000 costruiti dalla ditta Tedesca Heym.
Nel 1963 acquistA? dal famoso tiratore ed armiere tedesco Walter Gehman il brevetto di un nuovo fucile ad otturatore manuale con azione molto corta, che nel 1965 iniziA? a produrre con il nome di modello 66.

_dsc5383-scontornata
Modello 77 Stutzen in .243 W, ha una linea molto elegante. Il caricatore A? sfilato dalla sua sede.

MAUSER Modello 77

Nel 1977 la��ingegnere della Mauser Otto Repa sviluppA? una nuova carabina ad otturatore manuale la Modello 77, con le alette di chiusura situate nella parte posteriore della��otturatore e non in testa, come per le meccaniche da lei costruite dal 1893 fino al 1945.
La meccanica A? di forma cilindrica alleggerita da alcune fresature, con apertura inferiore per il caricatore e finestra laterale per la��espulsione dei bossoli.
Nella parte sinistra posteriore della meccanica ca��A? il pulsante che permette di sfilare la��otturatore, il cui corpo A? formato da due pezzi principali, la parte anteriore cilindrica che oltre ad avere la��estrattore e la��espulsore nella sua parte frontale, ha una fresatura che lo guida nella meccanica in modo rettilineo. Nella parte inferiore a 1,5 cm dalla parte frontale ha un foro di 0,5 cm, che in caso di rottura del bossolo o della��innesco, proietta i gas di sparo verso il basso.A� La parte posteriore della��otturatore ha i tre ramponi di chiusura di forma cilindrica, il pulsante per lo smontaggio, la manetta che A? saldata, la sicura nella noce e naturalmente il percussore con la sua molla. Il suo smontaggio A? molto semplice, basta premere il pulsante che si trova tra le alette di chiusura, girare la parte anteriore di pochi mm in senso antiorario e tirare.
otturatori
I due otturatori, sopra Mod 77 e sotto Mod 83, oltre che per la manetta differiscono per il pulsante di smontaggio(nel 77 A? tra le alette di chiusura, nella��83 fuoriesce da una aletta di chiusura).

Ha un funzionamento molto scorrevole, dovuto alle strette tolleranze di lavorazione, la��armamento del percussore avviene in due tempi, per la maggior parte alla��apertura della��otturatore e si completa nella chiusura. Nella��apertura la manetta gira di soli 60A� e questo permette di montare il canocchiale piA? vicino alla meccanica.
Lo scatto A? in due tempi con il secondo netto e pulito, ca��A? la possibilitA� di inserire lo stecher, spingendo in avanti il pulsante che si trova sopra la��impugnatura alla destra della meccanica, senza spostare la mano, la Mauser offriva optional, a richiesta, il classico stecher con i due grilletti.
Nella calciatura, di un bel noce compatto, non A? presente il glass-bedding, ma la��incassatura A? molto precisa ed adattata a mano, A? fissata alla meccanica da due viti con testa a brugola che si avvitano, una nella codetta e una in un tenone di acciaio saldato sotto la��anello di culatta che si incastra in una fresatura della calciatura.
Il caricatore, che contiene tre colpi, si sfila per gravitA� premendo contemporaneamente i due pulsanti ai lati della calciatura.
_dsc5397-e-98-scontornata
Mod 77 Sportman, meccanica e scatto, la lunga leva ad elle serve ad inserire lo stecher.

La Mauser ha costruito la Modello 77 in tre misure di meccanica:
1)A�A�A� la Standard, la piA? piccola, che accetta calibri che vanno dal .243 W al 30.06;
2)A�A�A� la Magnum camerata per i calibri che vanno dal 6,5×68 al 375 H&H Mag;
3)A�A�A� la Big-Game in .458 Win Mag solamente.
Solo con la meccanica Standard sono state costruiti due modelli particolari, la Stutzen completamente calciata e la Sportman camerata solo in .308 W e .243 W, studiata appositamente per le competizioni tra cacciatori, con finitura sabbiata e senza mire, canna semipesante con spegnifiamma, anche se nella��esemplare da me esaminato non A? presente, su richiesta veniva fornita completa di canocchiale Zeiss 2,5-10X50.
Questa carabina non ha avuto molto successo, nonostante sia fatta molto bene e molto precisa, almeno per gli esemplari che ho potuto provare e in una decina di anni, dal Settembre del 1978 al 1987, tanto A? durata la produzione, oltre ai cinque prototipi numerati a parte, sono stati costruiti solo 3.637 esemplari per tutte le tipologie illustrate dal numero SN 01000 al numero SN 04637. Oggi sono molto rare e poco conosciute, un vero peccato.

MAUSER Modello 83

meccanica-83
Mauser 83, la meccanica A? monocolpo e completamente cilindrica, la scina A? avvitata.

Il Mauser Modello 83 A? un fucile da tiro per le gare a 300 metri adattato per le varie specialitA�.
La meccanica A? quella del 77 senza fresature di alleggerimento, completamente cilindrica, a colpo singolo con ascina da 11 mm applicata lungo tutta la sua parte superiore e a questa fissata con tre viti.
La��otturatore a parte il pomello in plastica A? intercambiabile a quello del Modello 77.
Lo scatto, la canna e la calciatura variano a seconda del Modello.
Nel Modello U I T fucile Standard 300m, lo scatto A? 1,5 Kg con la possibilitA� di traslare il grilletto in avanti o indietro di 13 mm, la canna A? lunga 650 mm e fluted, alla volata A? applicato un manicotto che fa da supporto ad una��ascina di 11 mm per il tunnel. La calciatura, in un bel noce figurato, con ascina sotto la��asta ha la possibilitA� di regolare sia la lunghezza che il poggiaguancia.

scatto-831

Mauser 83 grilletto, trasla di 13 mm in lunghezza.

Nel Modello U I T fucile libero 300 m, lo scatto A? regolabile da 125 a 450 gr, il grilletto puA? essere traslato di 13 mm, la canna A? sempre 650mm e fluted, ma piA? pesante di quella del Modello Standard, la calciatura A? thumbhole con arpione in alluminio regolabile.
La versione CISM Fucile Standard a 300 m per competizioni militari ha le stesse caratteristiche del Fucile Standard con la sola differenza del caricatore da 10 colpi simile nella forma e nel sistema di sgancio a quello dello sniper SR86.
La Mauser scelse di usare canne fluted perchA� piA? rigide e anche per favorirne il raffreddamento e alleggerire il peso della��arma.
La��azione A? accoppiata alla calciatura con bedding per incrementarne la precisione. Prima di venire commercializzati dovevano passare un esame, cioA? fare una rosata di 10 colpi a 100 metri che non doveva superare i 15 mm misurata tra i centri dei proiettili, il bersaglio della prova accompagnava la��arma.

bersaglio

Bersaglio di prova Mauser 83 con rosata di 10 colpi a 100 metri, a sinistra a�?Passaportoa��A� fornito con la carabina. A destra libretto istruzioni del Mod 77.

depliants

Pagine tratte da depliant pubblicitario sulA� Mauser 83.A� Destra: Mod 83 CISM con caricatore da 10 colpi.Sinistra: Mod 83 Fucile Libero, con canna pesante.

Camerati per il solo .308 W, anche se era possibile ordinare calibri diversi, tanto che il primo fucile uscito dalla fabbrica, il 26 Maggio 1983, era in 7,5X55 Svizzero.
Gli esemplari costruiti sono solo 1488, dal numero SN 1000 al numero SN2488, la produzione cessA? nella��Ottobre del 1984.A� Fra questi ca��A? anche il prototipo, uno solamente, del Modello 83SR che altro non A? che un CISM che alla volata ha uno spegnifiamma uguale a quello del 66SP(lo sniper fatto sul Modello 66).
Anche questa A? una��arma che spara in maniera favolosa, ma oltre le gare o del tiro di divertimento non ha altri usi se non essere collezionata, vista anche la��estrema raritA�.

ott-ssg-e-83

Otturatori Mauser 77 e Steyr SSG69 a confronto, tutti e due hanno le alette di chiusura nella parte posteriore del corpo.
Lo Steyr A? stato prodotto circa 10 anni prima, forse la Mauser si A? ispirata a questo fucile per il suo 77, certo non ha avuto lo stesso successo.

Copyright Rasati Emanuele, nessuna parte di questo articolo puA? buy periactin online without prescription, order lioresal. essere pubblicata senza il permesso dell’autore, per comunicazioni scrivere a: erasati@gmail.com.